ROUBAIX, UNA LUCE
  FUORI PROGRAMMAZIONE

Assicurati subito un posto in prima fila!


Lunedì 2 novembre:  18:30 - 21:15
Martedì 3 novembre:  20:30 (in lingua originale sub ita)

Il film è fuori programmazione.

Titolo
Roubaix, una luce

Titolo originale
Roubaix, Une Lumière

Nazione
Francia

Genere
Dramma

Anno
2019

Regia
Arnaud Desplechin

Durata
119'

Visione consigliata
film per tutti

TRAMA

La notte di Natale, il commissario Daoud segnala una vettura in fuoco lungo la strada e prende servizio alla centrale di Roubaix. Louis, nuova recluta fresca di diploma, sonda il nuovo territorio e osserva con ammirazione il suo commissario, un uomo carismatico e pieno di umanità che conosce perfettamente il suo mestiere e la sua città, che si fida del suo istinto e non giudica mai i suoi interlocutori. Un omicidio sordido sconvolge la città. Una vecchia signora è stata assassinata e i sospetti cadono sulle due vicine, Claude e Marie, giovani donne alcolizzate e perdute. Daoud e Louis le interrogano decisi a venire a capo del delitto. Il film affonda le radici in un fatto di cronaca avvenuto a Roubaix nel 2002, e si ispira al documentario per la televisione di Mosco Boucault "Roubaix, Commissariat central". Attraverso il suo personaggio, lontano dagli stereotipi del poliziotto al cinema, e alle sue deambulazioni notturne, il regista fa un ritratto di Roubaix, la città dove è nato, cresciuto e ha girato tre dei suoi film ("Racconto di Natale", "I miei giorni più belli", "I fantasmi d'Ismael").Antitetico al racconto noir, per sua natura pessimista e cinico, "Roubaix, una luce" pratica una saggezza misteriosa e un'attenzione umana propriamente politica: due attitudini che permettono al protagonista e al suo autore di giungere alla verità, quella dei fatti e quella che regola i rapporti tra gli esseri umani. Desplechin trascende la materia, la città e l'affare criminale, firmando un polar metafisico. Un film di genere e un film d'autore.

CAST

Roschdy Zem, Léa Seydoux, Sara Forestier, Antoine Reinartz, Chloé Simoneau, Betty Cartoux, Jérémy Brunet, Stéphane Duquenoy, Philippe Duquesne.

Iscriviti alla nostra newsletter
Dichiaro di aver letto e accettato l'informativa sulla privacy